Sostegno economico

Parlare di parrocchie e di soldi è sempre un argomento delicato, perché, nel sentire comune, “la Chiesa è ricca”.

Ogni Chiesa è ricca, di arte, di persone, di buona volontà e, alcune, anche economicamente.

Ma la Chiesa è anche ricca di poveri, di bisogni particolari a cui andare incontro e di manutenzioni da fare (se si vogliono mantenere il decoro e l’arte che si custodisce).

Ma, a differenza di quello che molti credono, le nostre parrocchie, né stampano i soldi, né possono attingere ad un fantomatico pozzo di San Patrizio custodito in Vaticano!

Fondamentalmente, le entrate finanziarie della parrocchia sono due:

  • I fondi dell’8×1000;
  • le offerte dei parrocchiani.

Circa i fondi dell’8×1000, questi sono soldi che hanno una destinazione precisa. Ordinariamente vengono dati (in base al numero di fedeli per ogni parrocchia) per sostenere la Caritas e, straordinariamente, si possono richiedere anche per delle manutenzioni straordinarie per le Chiese. In entrambi i casi, però, questi fondi non possono coprire mai il 100% del fabbisogno, sia della Caritas che della manutenzione. In altre parole, la parrocchia dovrà sempre, anche per questi bisogni, attingere al fondo cassa parrocchiale.

L’altra fonte di ingresso sono le offerte dei parrocchiani, che provengono dalla “bussoletta” che si passa la domenica e da offerte liberali che qualcuno fa alla parrocchia. Queste rappresentano la voce maggiore degli introiti parrocchiali.

Queste offerte, oltre che andare a coprire i fabbisogni della Caritas e delle manutenzioni delle Chiese (a cui l’8×1000 dà una mano, ma non esaurisce il fabbisogno). servono per coprire tutte le spese della parrocchia. In particolare:

  • Bollette delle utenze delle chiese e delle strutture parrocchiali (nella nostra parrocchia abbiamo 17 utenze tra luce, gas, acqua e telefono);
  • Imposte comunali sugli immobili;
  • Manutenzioni ordinarie e straordinarie;
  • Attività della Caritas (alimenti, bollette, affitti, medicine e quant’altro dei nostri assistiti);
  • Fabbisogni di “Casa Ismaele” (bollette, manutenzioni, alimenti per i residenti).

Bisogna dire che, ogni tanto, arrivano anche donazioni dal comune o da altri enti, ma essendo fatti sporadici, a cui bisogna sempre dire comunque grazie, non ci si può fare conto nelle previsioni di spesa della parrocchia.

Deducibilità dell’offerta alla parrocchia per le imprese

La normativa fiscale italiana non permette alle persone private di dedurre le offerte fatte direttamente alle parrocchie (ci sono dei casi previsti, ma non nel caso di offerte liberali in favore dei bisogni “ordinari” delle parrocchie).

Invece la cosa è possibile per le imprese. Infatti: in merito alle erogazioni fatte da imprese il vantaggio consiste nel fatto che l’impresa che eroga una donazione di denaro o di beni alla parrocchia può dedurre la somma dal proprio reddito nel limite massimo del 2% del reddito. Per cui, ad esempio, una società che eroga, a titolo di liberalità, una somma di 10.000€ a favore di una parrocchia (per qualunque fine) e tale impresa ha un reddito imponibile di 300.000€, può dedurre una somma di 6.000€ (2% di 300.000). E’ bene che l’erogazione venga fatta con canali monitorati (bancari o postali) [fonte: https://www.diocesitn.it/wp-content/uploads/2017/12/et-2013-09.pdf].

In ogni caso è sempre bene sentire prima il proprio commercialista!

Come sostenere le parrocchie di Santo Stefano e Santa Croce

Oltre che venendo a messa e partecipare alla “bussoletta”, se qualcuno vuole dare il proprio contributo alle spese della parrocchia, ci sono due modalità che ci permettono di farlo: si può fare un bonifico sul conto bancario della parrocchia di Santo Stefano (che evidentemente verrà utilizzato anche per le esigenze della parrocchia di Santa Croce), oppure, con le carte prepagate, tramite un versamento con PayPal.

Se volete destinare la vostra offerta per un’esigenza specifica della parrocchia, indicatela nella causale, in maniera tale da riservare la vostra offerta alle vostre intenzioni.

Di seguito trovate sia gli estremi IBAN che il collegamento al circuito PayPal.

IBAN PARROCCHIALE

Nome: Parrocchia Di Santo Stefano
IBAN: IT40R0832738920000000000254

PAYPAL

Rendiconti annuali

All’inizio di ogni anno, dopo aver ricevuto l’approvazione del Consiglio parrocchiale per gli Affari Economici, verrà pubblicato, qui di seguito, il rendiconto economico dell’anno precedente.

Anno 2020
  • Totale entrate: 70.450,00 €
  • Totale uscite: 62.759,64 €

Visualizza qui il riepilogo dettagliato del rendiconto economico 2020.
Clicca qui, invece, per leggere la relazione analitica sul bilancio.